• Facebook
  • Twitter
  • 9000
  • 0

Mugnai, a spasso tra antichi vigneti

Dolomiti golose - - di

La giornata promette bene. Il cielo è blu, l’aria è pungente e il sole riscalda l’asfalto del piccolo centro di Mugnai in Comune di Feltre, punto di partenza della nostra passeggiata tra i vigneti. Ad accompagnarci c’è Marco che insieme alla sorella Valentina porta avanti la piccola azienda agricola De Bacco. Lui si occupa di vigneti e cantina, lei dell’ufficio e del punto vendita. Marco ci racconta che durante l’estate accompagna spesso i turisti nel vigneto di Mugnai, quello del nonno che i due fratelli hanno recuperato. 10 minuti a piedi e arriviamo in cima al piccolo appezzamento terrazzato. Poco distante dal muro di sassi troviamo allestita una tavola con i calici e i vini da assaggiare. Penso alla storia di questa cantina. L’azienda De Bacco nasce agli inizi del ‘900, quando la viticoltura era una grande fonte di sostentamento per le famiglie feltrine, basti pensare che la produzione in quest’area si attestava sui 30 mila ettolitri e che gran parte del vino prodotto veniva esportato oltralpe, in Austria, alla Corte Asburgica. Purtroppo, con l’avvento della fillossera e delle malattie funginee, le guerre e l’emigrazione quasi tutte le superficie vitate vennero abbandonate.

calice vinoCon tenacia e passione i due giovani fratelli hanno recuperato le antiche varietà autoctone come Pavana, Gata e Bianchetta Fonzasina che da aspra sono riusciti a trasformare in gradevole  e fresca. Vini estremi, figli della fatica e del sudore. La maggior parte dei vigneti, infatti, ha una pendenza media del 65 per cento tanto da non essere percorribili nemmeno con i più moderni trattori. Si sale a piedi e si lavora a mano. Tutte le etichette della cantina feltrina, vini Igt delle Dolomiti, portano i nomi dei “vecchi” De Bacco, a cominciare dal bianco Jenia, la nonna di Marco e Valentina. Si chiama Cuss, invece, il rosso feltrino prodotto con uve Merlot dal nome del cane-maggiordomo della famiglia De Bacco. Cuss aveva il compito di portare al collo una botticella con un po’ di “ristoro” per le lunghe giornate da trascorrere in quota. Una storia,  quella della famiglia De Bacco, che mi ha appassionato fin da subito. Consiglio a tutti di vivere un’esperienza tra i vigneti feltrini e riscoprire così le origini del vino bellunese.

La cantina De Bacco si trova a Rasai di Seren del Grappa. È aperta il lunedì pomeriggio dalle 15 alle 18 e dal martedì al sabato con orario 9-12 e 15-18.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati o clicca sulle icone per accedere

X Privacy e Cookie Policy